Dal personale all'universale, e viceversa

Un accidentato ma vitale percorso tra i passaggi salienti dell'intramontabile livre de chevet, Frammenti di un discorso amoroso, straordinario glossario senza tempo sulle mille sfaccettature dell'amore. Episodi da romanzi, canzoni, films, opera, messe in scene e rilette alla luce del saggio del grande semiologo. Barthes avrebbe potuto, con l'appassionato acume contenuto nel materiale di questo libro, intraprendere l'Opera Somma, il romanzo definitivo d'amore, meticoloso come Proust ma senza la proustiana pedanteria, febbricitante come Dostojevskij ma non dostojevskijianamente malato, palpitante come Goethe ma senza quell'asmatico affanno goethiano.

«Nonostante tutto, il soggetto amoroso afferma l'amore come valore» «... paragonare la vostra storia a quella di Werther o a un haiku giapponese; un respiro più ampio in cui emettere il vostro rantolo e, improvvisamente, la coscienza del vostro amore si rafforzerà» Pier Vittorio Tondelli

Distanza  testo

L'amore quando muore   testo

Gli abbracci ortogonali   testo

Per tutte le volte che non ho detto ti amo  testo

Il tuo corpo  testo

L'amare che vince la morte  testo

La nostra creatura  testo

Penso, ma non sono  testo

Male non ho più  testo

Non ho parole  testo

Menti, senti, senti, menti   testo

La prova e il segno   testo

LAMORE non esiste   testo

 sillabario del Gentiluomo-appendice alla A

 

Home | Come si diventa ciò che si è | Ich bin der Letzte? | Decalogo per la vita da Dandy |
 

© 2002-2011 Marte Costa|